• La consapevolezzaè più facile da raggiungere, quando è praticata nella natura
  • Insegnare all’aria apertaecco come funziona la scuola nella natura
  • Imparare presso SILVIVAformazioni riuscite con e nella natura
  • Momenti di scoperta nella naturapiù sostenibili grazie ai nostri strumenti
IMPARARE NELLA NATURA

Resoconto della giornata di perfezionamento 2019 «Lavori pratici come metodo dell'educazione ambientale attiva nella natura»

Cosa trasforma un intervento di lavoro in una riuscita esperienza didattica? I partecipanti come comprendono le relazioni determinanti lavorando? Che tipo di qualità ha il lavoro pratico che manca in un evento esclusivamente didattico? Quali sono le diverse competenze incentivate tramite differenti eventi?


Queste le domande a cui i circa 70 partecipanti alla giornata di perfezionamento svoltasi nella regione Bienne/Seeland hanno cercato di dare una risposta. Nel corso della mattinata e con la sapiente guida degli esperti del Laboratorio Bosco di montagna e del parco naturale Chasseral, educatori e educatrici ambientali, formatori e formatrici responsabili delle attività pratiche e specialisti della formazione si sono rimboccati le maniche con dei lavori pratici, mentre il pomeriggio era dedicato all’analisi di questa esperienza e allo sviluppo di ulteriori idee.

Imparare lavorando: lavori pratici come metodo dell'EAN

Pianificazione di manifestazioni

Durante la pianificazione di un intervento di lavoro, la prima domanda che bisogna porsi è quella dell’effetto che si desidera ottenere. Ossia: quali effetti desideriamo ottenere presso il gruppo di destinatari (l’aspetto didattico) e quali sono gli effetti che desideriamo vedere nella natura. La ponderazione dei due aspetti influisce in modo considerevole sulla pianificazione e sull’organizzazione dell’uscita.

 

Pianificare in modo orientato agli effetti

L’aiuto «Umweltbildung mit Wirkung» (n.d.t. «Educazione ambientale efficace») elaborato da Sandra Wilhelm e Urs Müller del reparto Life Sciences und Facility Management della ZHAW rappresenta un utile ausilio per una pianificazione orientata agli effetti di un evento di educazione ambientale.

 

Uscite di lavoro pratiche come ESS

Di regola, in occasione di un intervento di lavoro pratico nella natura vengono esercitate «quasi automaticamente» importanti competenze dell’educazione allo sviluppo sostenibile (ESS). Se con l’intervento di lavoro si desidera raggiungere obiettivi ESS specifici, durante la pianificazione risultano utili gli elenchi di éducation21 in merito ai principi e alle competenze ESS.

Svolgimento

Durante l’intervento di lavoro si svolgono automaticamente numerosi processi d’apprendimento. Ciò che SILVIVA intende con apprendimento è riportato nella nostra metodologia e nei nostri concetti didattici. Il modello dovrebbe facilitare la comprensione, l’uso ed ev. la gestione dei processi didattici.


Alcuni consigli pratici per lo svolgimento:

  • Prima di iniziare i lavori, è utile compiere un sopralluogo nella regione per raccogliere informazioni storiche e ambientali in merito alla località e ai lavori da svolgere. È consigliabile che tale sopralluogo sia svolto da qualcuno che conosce bene la regione e sia in grado di rispondere a domande specifiche.
  • Dopodiché si tratta di assegnare i lavori da svolgere ed ev. spiegare l’utilizzo degli attrezzi necessari a tale scopo. Qualcuno deve mostrare ai partecipanti come si usano gli attrezzi e quali precauzioni di sicurezza occorre adottare.
  • Di regola, è richiesta una certa dimestichezza per suddividere i partecipanti in gruppi e assegnare loro i lavori che corrispondono alle loro capacità. Nella maggior parte dei casi, dopo qualche tempo, risulterà chiaro se la suddivisione era azzeccata. Ai partecipanti più anziani bisognerebbe - se necessario - assegnare con la dovuta discrezione lavori meno faticosi. Nel limite delle possibilità, i collaboratori con esperienza pratica dovrebbero collaborare con quelli privi di tale esperienza.
  • In base agli obiettivi, ai partecipanti e ai lavori da eseguire, consigliamo di prevedere anche attività ludiche per fare una pausa, per riposare oppure per integrare contenuti didattici.
  • Accertatevi che i partecipanti possano prender parte a diversi lavori pratici.
  • Informate tutti dove si trova la farmacia d’emergenza e cosa occorre fare in caso di infortunio.
  • Anche le uscite di lavoro pratiche non sono fatte di solo lavoro. Le pause sono fondamentali, perché la maggior parte dei partecipanti non è abituata a eseguire lavori fisici pesanti. Inoltre, si apprende molto e si socializza tra le diverse fasi di lavoro.

Alcuni punti di cui tenere conto durante lo svolgimento:

 

  • Verificate che gli attrezzi vengano utilizzati in modo corretto ed efficiente. Se necessario fornite spiegazioni a più riprese. In tale contesto, accertarsi anche che i partecipanti spostino correttamente i pesi, p. es. sassi (niente schiene curve)!
  • Prestate attenzione che gli attrezzi siano conservati in modo ordinato e che non vengano lasciati in giro, poiché potrebbero essere fonte di pericolo.
  • Chiedete ai partecipanti di mantenere una sufficiente distanza l’uno dall’altro.
  • Aggiratevi tra i partecipanti. Chiedete come procedono i lavori, come si sentono e lodateli.
  • Prestate attenzione che nessuno compia sforzi eccessivi, sia sudato o abbia freddo. Interrompete i lavori se le condizioni meteo diventano sfavorevoli.

Al termine dei lavori:

 

  • Prevedete il tempo necessario e un metodo per permettere lo scambio tra i partecipanti e un riscontro.
  • Lasciate la postazione di lavoro in uno stato ordinato. Controllate che vi siano tutti gli attrezzi.
  • Spegnete eventuali fuochi.

Il resoconto della giornata è anche disponibile in: